MOZIONE
RISPETTO DEI VALORI ANTIFASCISTI SANCITI DALL’ORDINAMENTO REPUBBLICANO

PREMESSO CHE

  • Sono sempre più frequenti le manifestazioni promosse da organizzazioni neofasciste portatrici di valori e idee che si collocano al di fuori del perimetro costituzionale e dell’ordinamento repubblicano, nonché dei principi fondamentali della convivenza civile e del rispetto della dignità umana.
  • Forze politiche e sociali, movimenti ed associazioni, cittadine e cittadini mostrano indignazione e motivata preoccupazione per i rischi insiti, sia di ordine pubblico che per le frizioni sociali, che potrebbero verificarsi in iniziative promosse sul territorio comunale da parte di singoli, associazioni o partiti che non si riconoscono nei principi democratici e repubblicani della Costituzione Italiana con particolare riferimento alla XII Disposizione transitoria e finale, alla Legge 645/52 (c.d. “Legge Scelba”) e alla Legge 205/93 (c.d. “Legge Mancino”)

 

CONSIDERATO CHE

  • I principi fondamentali della Costituzione italiana affermano ciò che la dittatura fascista aveva cancellato in Italia, ovvero la dignità della persona umana e i diritti di libertà ad essa connessi.
  • Il rifiuto di ogni forma di fascismo sta alla base della rinascita politica, sociale e morale del nostro Paese a partire dal 1943, manifestatosi con gli scioperi, le proteste e la progressiva organizzazione della Resistenza.
  • Il Comune di Zola Predosa è stato decorato della Croce di guerra al Valor Militare per la seguente motivazione: "Zola Predosa, fedele alle sue tradizioni di libertà, costituì subito dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 i primi gruppi partigiani del circondario, concorrendo alla nascita della valorosa 63a brigata Garibaldi Bolero".
  • Il Comune di Zola Predosa è da sempre attento e propositivo nel promuovere una cultura di pace e solidarietà, attraverso molteplici attività che coinvolgono ampi strati sociali in tutti i luoghi pubblici del territorio.
  • A fronte del riemergere di comportamenti antidemocratici di espressione fascista, xenofobi, razzisti e sessisti, si converge sulla necessità di dover riaffermare socialmente e culturalmente i valori della resistenza e dell’antifascismo e della memoria, anche attraverso un condiviso adeguamento delle regolamentazioni comunali

IL CONSIGLIO COMUNALE DI ZOLA PREDOSA

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

  • A non concedere spazi pubblici, il patrocinio e qualunque forma di contribuzione a coloro i quali non garantiscano di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e/o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti.
  • A proseguire nel promuovere iniziative culturali affinché sia mantenuta la memoria storica e sia posto, soprattutto all’attenzione delle giovani generazioni, l’affacciarsi di nuovi fascismi che mettono in discussione i principi democratici e di pacifica convivenza.
  • A modificare i Regolamenti comunali subordinando la concessione di spazi e sale di proprietà del Comune, del patrocinio e di qualunque forma di contribuzione all’acquisizione di una dichiarazione con la quale il richiedente attesta di essere a conoscenza e di impegnarsi a rispettare il Regolamento nel quale viene inserito, in particolare, il rispetto della XII Disposizione transitoria e finale della Costituzione Italiana, della Legge 20 giugno 1952, n. 645 (c.d. “Legge Scelba”), della Legge 25 giugno 1993, n. 205 (c.d. “Legge Mancino”) e di eventuali norme successive adottate in tale senso;
  • A chiedere ai concessionari e gestori assegnatari delle strutture pubbliche di adeguarsi alla conformità dei Regolamenti comunali nel rispetto dei valori antifascisti sanciti dall’ordinamento repubblicano.

Zola Predosa, 11/07/2018

Il Gruppo Consiliare PD di Zola Predosa

 

 

Dal presente atto non deriva alcun onere finanziario per il Comune.

Demogratica

 

Pischedda

16Grazia350

17Bacchetti350

Beghelli

18Bergamaschi350

19Zanetti350

DegliEsposti

20Berti350

21Breveglieri600

Questo sito utilizza la tecnologia dei cookies e tecnologie simili. Proseguendo con la navigazione ne accetti l'utilizzo. cosa sono i cookies?